Vasilij Vasil'evič Kandinskij

Da WikiAppunti.
(Reindirizzamento da Kandinskij)
Vasilij Vasil'evič Kandinskij
Vassily-Kandinsky.jpeg
Kandinskij nel 1913
Data di nascita4 dicembre 1886
Data di morte13 dicembre 1944
Paese di nascitaRussia

KANDINSKIJ 1886-1944

Russo, si trasferisce a Monaco nel 1896.

Forma : ha un proprio contenuto, un contenuto-forza, una capacità di agire come stimolo psicologico, è il significante perchè assume significato nella coscienza di chi la reperisce ( non lo ha di per sé )

colori : sono forme anch'esse, mutano il contenuto semantico della forma

spirituale : è il non razionale, che è la totalità dell'esistenza in cui la realtà psichica non è distinta da dalla realtà fisica ( non ideale dei simbolisti )

segno : si può recuperare l'origine di una remota esperienza della realtà ma questi non servono a rappresentare la realtà : interessa il soggetto la cui esistenza è fatta di stasi e di moti.



Primo periodo : fase dello scarabocchio

scopo : analizzare l'origine, la struttura primaria dell'operazione estetica

segno : il bambino non ha la nozione della realtà allora la percezione si traduce in insieme di moti che nel disegno si trasformano in segni, che vengono a loro volta percepiti → poiché il mondo esiste per lui in quanto percepito → facendo qualcosa che si percepisce = volontà di fare realtà

  • problema dell'arte : se la prima esperienza è sbagliata → l'arte non ha ragione d'esistere

→ è giusta ma la si sostituisce con qualcosa di razionale e

l'artista ha il compito di recuperare gli impulsi più profondi

→ problema che riguarda la società moderna i cui comportamenti sono influenzati dal lavoro industriale(polemica contro il lavoro ripetitivo e non creativo degli operai) : (l'artista torna al fanciullino primitivo)
ma il bambino non è così primitivo perchè possiede i mezzi tecnici e la convenzione che il foglio è la dimensione della virtualità assoluta dove nulla è e tutto può essere → se i segni sono forze in atto → foglio = campo di forze ( e non di spazio ) : porzione d'infinito determinata dall'interazione di forze agenti simultaneamente, e l'insieme diventa sistema dinamico = produrre artificialmente un frammento reale di spazio

  • arte : coscienza di qualcosa di cui non si può avere altrimenti coscienza = del fenomeno perchè la coscienza razionale assume il fenomeno in quanto valore ma lo perde come fenomeno → se il fenomeno è esistenza e accade nella coscienza → ciò che si fa accadere nella coscienza è l'esistenza stessa = funzione arte → ha anche una funzione sociale : è comunicazione, è stimolo perchè comunica al fruitore il suo impulso di moto

fruizione e non contemplazione dell'arte.



Secondo periodo : fase del morfema



Con l'insegnamento alla Bauhaus si perde il segno delle improvisations e si ricorre a morfemi ( da forma, unità elementare di significato non scomponibile, figure geometriche elementari )
-traduce didatticamente il suo processo verso il linguaggio astratto: tutti possono usarlo

problematica linguistica : il linguaggio muta continuamente perchè le parole vengono riprese nel flusso dell'esistenza,dopo la fase di sperimentazione della natura primordiale cambia ; i morfemi sono immagini concettuali perchè vengono dati in quel colore, in quella grandezza ecc. → un linguaggio generale si rifà individuale = determina il codice del linguaggio base ( linguaggio che tutti possono usare ) non mortifica il comportamento dell'uomo integrato nel sistema industriale ma indica quale tipo di esperienza globale della realtà possa fare del limite della sua strumentalità ( lavoro industriale = operativo come l'esperienza estetica )

primo periodo

abbozzo per l'almanacco del cavaliere azzurro, 1911



primo acquerello astratto, 1910, acquerello, 65x50 cm



si presenta come uno schizzo informe ricollegabile a uno scarabocchio infantile.

Macchie : 2 tipi, espanse e trasparenti che introducono il senso di profondità e alte più ristrette e di

colore più intenso che sembrano sostanze aggregate alla superficie = sensazioni tattili in

immagini visive.

Colore : nella macchie più scure predominano il rosso e il blu sempre accostate : una tinta calda che

si espande e una tinta fredda che si contrae : non applica la legge dei contrasti simultanei

ma la verifica

segni : a china o a matita, lieari e filiformi, possibili moti, suggeriscono la direzione e il ritmo delle

macchie.



improvisations 21a, 1911, olio su tela

Nel 1909 Kandinskij inizia a dipingere le improvisations, composizioni non più ispirate a una figurazione esteriore e oggettiva, bensì da emozioni simili all'allusiva percezione di ritmi e variazioni musicali.

Piccole gioie, 1913, olio su tela, 119,7x109,8 cm

secondo periodo

alcuni cerchi, 1926, olio su tela, 140,7x 140,3 cm

Punte nell'arco, 1927, olio su tela, 49x66 cm: quadri con sistema dinamico= artista che ha già sperimentato ennlo scarabocchio con le forme geom e noi colori il codice del linguaggio base. Morfemi