Controlli automatici/Funzione di sensibilità

Da WikiAppunti.
Nota disambigua.svg Il titolo di questa pagina non è corretto per via delle caratteristiche del software MediaWiki. Il titolo corretto è 19. Funzione di sensibilità.
Gtk-go-back-ltr.svg  17. Reti di compensazione IIGtk-home.svg  Controlli automatici (Controlli automatici)21. Regolatori PID  Gtk-go-forward-ltr.svg

Sensibilità parametrica[modifica]

Funzione di sensibilità rispetto a una variazione parametrica[modifica]

5 La funzione di sensibilità della funzione di trasferimento in catena chiusa rispetto ad un parametro :

dove:

  • è la variazione relativa della funzione come conseguenza della variazione del parametro ;
  • è la variazione relativa del parametro ;

4-6 misura l'influenza di variazioni sul parametro sulla fedeltà di risposta del sistema controllato:

  • se la funzione di sensibilità è molto minore di 1, la funzione risulta poco sensibile alle variazioni del parametro , e quindi la risposta del sistema non varia significativamente al variare del parametro ;
  • se la funzione di sensibilità è prossima a 1 o maggiore, la funzione risulta molto sensibile alle variazioni del parametro , e quindi la risposta del sistema varia pesantemente al variare del parametro .

Sensibilità del sistema[modifica]

10-12 Separando la sensibilità di rispetto a e la sensibilità di rispetto a :

11-13-30 si definisce sensibilità del sistema la funzione di sensibilità della funzione di trasferimento rispetto alla funzione d'anello :

8-9 Dimostrazione
  • se le variazioni parametriche riguardano la funzione del controllore, la sensibilità del sistema in catena chiusa può essere contenuta sia agendo sulla "qualità realizzativa" del controllore per ridurre la funzione di sensibilità , sia riducendo la sensibilità ;
  • se le variazioni parametriche riguardano la funzione del sistema da controllare, la sensibilità del sistema in catena chiusa può essere contenuta solo riducendo la sensibilità .
22 Possibili andamenti in frequenza del modulo della sensibilità del sistema[1]

In presenza di ingressi e/o disturbi sinusoidali, la sensibilità è bassa solo in bassa frequenza:

  • 23-26 il sistema riesce ad inseguire con buona precisione un ingresso di riferimento sinusoidale :
solo se la pulsazione del segnale è a bassa frequenza:
  • 24-27 il sistema è poco sensibile a un disturbo sinusoidale posto sull'uscita :
solo se la pulsazione del segnale è a bassa frequenza:
  • 25-28 il sistema è poco sensibile a un disturbo sinusoidale posto sul comando :
solo se la pulsazione del segnale è a bassa frequenza:

Implicazioni sul progetto del controllore[modifica]

21-33 La sensibilità attraversa l'asse a 0 dB in un intorno della pulsazione di taglio della funzione → se si vuole imporre che la sensibilità attraversi l'asse a 0 dB a una pulsazione inferiore a una data , è necessario scegliere una pulsazione di taglio desiderata abbastanza superiore a , ma non eccessivamente per non allargare troppo la banda . Come prima scelta:

38-46 All'inserimento di una rete attenuatrice, la sensibilità del sistema aumenta nell'intervallo di pulsazioni in cui il modulo della funzione d'anello è diminuito → è opportuno evitare di collocare le reti attenuatrici a pulsazioni troppo basse.

Note[modifica]

  1. Alle medie frequenze l'esatto andamento dipende dagli effettivi valori assunti dal modulo della funzione d'anello .
Nota disambigua.svg Il titolo di questa pagina non è corretto per via delle caratteristiche del software MediaWiki. Il titolo corretto è 19. Funzione di sensibilità.
Gtk-go-back-ltr.svg  17. Reti di compensazione IIGtk-home.svg  Controlli automatici (Controlli automatici)21. Regolatori PID  Gtk-go-forward-ltr.svg